Un cammino senza odio

(Giornata Internazionale contro i Discorsi d’Odio)

Negli ultimi tempi abbiamo visto come il discorso dell’odio si sia diffuso ovunque. Senza dubbio, l’incitamento alla violenza, all’odio e alla discriminazione deriva da concezioni ideologiche che cercano di sradicare la differenza, la ricchezza della diversità e di destabilizzare la società negando i principi e i valori del rispetto dei diritti umani che sono il nostro patrimonio comune.

Con l’intento malevolo di disumanizzare persone o gruppi di persone a causa delle loro caratteristiche identitarie, il razzismo, la xenofobia, la misoginia, la LGTBIfobia, l’islamofobia, l’antisemitismo, l’aporofobia, la disfobia, così come qualsiasi comportamento contrario all’inviolabile dignità umana di ogni persona, chiunque essa sia, mettono seriamente a rischio la pace tra i popoli, la sicurezza della Comunità internazionale, la difesa del nostro ambiente circostante e, naturalmente, i diritti umani di milioni di persone nel mondo. 

Mentre il mondo assiste con orrore alla guerra in Ucraina, in un mondo in cui infuriano ancora decine di conflitti armati, dobbiamo riconoscere che anche le parole possono diventare armi capaci di provocare i più grandi abomini. Nella nostra storia recente, abbiamo visto come i discorsi d’odio abbiano portato alla morte di milioni di persone nell’Olocausto, di centinaia di migliaia nel genocidio ruandese contro i tutsi a metà degli anni ’90, di decine di migliaia a Timor Est durante l’occupazione dell’Indonesia, di migliaia nel massacro di Srebrenica nella guerra di Bosnia o, più recentemente, in Birmania, dove la minoranza tutsi è stata uccisa dai tutsi nella guerra in Bosnia, in Birmania, dove la minoranza Rohingya continua a essere bersaglio di discriminazioni e crimini d’odio su una scala tale che si potrebbe sostenere che si tratta del primo genocidio del XXI secolo, ancora oggi irrisolto, in cui i diritti della minoranza musulmana continuano a essere sistematicamente violati e i cui autori e mandanti devono essere portati al più presto davanti alla Corte penale internazionale.

È chiaro che l’hate speech non conosce confini e negli ultimi anni i social network sono stati il mezzo in cui si è diffuso di più e meglio. In concomitanza con la pandemia di Covid-19, l’odio sui social media si è scatenato contro le minoranze, che ancora una volta sono state individuate, stigmatizzate e criminalizzate da chi è mosso solo da un odio irrazionale. 

Per contrastare l’odio criminale, sono necessari piani d’azione per combattere i discorsi d’odio al fine di attuare tutte le misure necessarie per sradicarli. Ricordiamo che la libertà di espressione e di opinione non sono diritti assoluti, in quanto non comprendono la diffamazione, la calunnia, l’umiliazione e la criminalizzazione, né l’incitamento ad agire con violenza contro individui o gruppi di persone.

La libertà di espressione non può in alcun modo essere usata per disumanizzare, distruggere o negare la dignità di nessuno. Per questo motivo, la società civile, i principali social network, i media, le forze dell’ordine e, naturalmente, le istituzioni democratiche di tutti gli Stati devono promuovere azioni congiunte che contribuiscano a sradicare l’odio dalla nostra società, soprattutto attraverso l’educazione. Perché un modello educativo basato sul rispetto dei diritti umani di tutte le persone, in tutti i centri educativi e a tutti i livelli di istruzione, è lo strumento migliore per porre fine all’odio irrazionale basato su pregiudizi, ignoranza e disinformazione.

Dobbiamo impegnarci, porre fine ai discorsi di odio e di rifiuto di chi è diverso è un obbligo di tutta la società, di tutta l’umanità. Pensiamo che il rispetto, la diversità e l’inclusione sono i pilastri essenziali su cui si basa ogni società moderna, democratica e avanzata. 

Se dobbiamo odiare qualcosa, odiamo l’odio che distrugge. 

Accogliamo il rispetto e la diversità che costruisce. 

Perché questo è il cammino. 

Un cammino senza odio.